Category Archives: Movimenti sociali

Due incontri con Douglas Harper

 

dougharper_event_image

L’11 febbraio, Douglas Harper (Duquesne University), fotografo e sociologo, che ha contribuito a diffondere nelle scienze sociali l’uso delle immagini come strumento di ricerca e narrazione, già Presidente dell’IVSA, International Visual Sociology Association, sarà a Genova per due incontri.

Alle 10.30, prenderà parte al seminario  del Laboratorio di Sociologia Visuale “Visual perspectives in social sciences” (DISFOR – Aula Magna).

Alle ore 18.30 parteciperà all’incontro pubblico “Trump and the Socialists: snapshots from Contemporary USA”. Nel corso dell’incontro, organizzato in collaborazione tra Laboratorio di Sociologia Visuale e Aut Aut 357, Douglas Harper dialogherà con Ferdinando Fasce, storico e americanista, sui movimenti e sui conflitti che attraversano il “cuore dell’Impero”.

Per il link alla pagina Facebook dell’evento, clicca qui.

La locandina dell’incontro delle 18.30:

harper_locandina110219
“Trump and the Socialists: snapshots from Contemporary USA”

Incontro con Pinar Selek. I movimenti femministi in Turchia oggi

pinarselek_portrait

Il Laboratorio di Sociologia Visuale insieme a AG About Gender, Non Una di Meno e Aut Aut 357 organizza un incontro con Pinar Selek, sui movimenti femministi e sul nuovo ciclo di mobilitazioni sociali in Turchia

Nata nel 1971 a Instanbul, Pinar Selek è sociologa e scrittrice, femminista e militante antimilitarista.
In molti dei suoi lavori di ricerca l’oggetto di studio è rappresentato dalle minoranze oppresse dalla Repubblica turca. Ed i suoi studi sono all’origine della persecuzione giudiziaria di cui è vittima.
Nel 1998 comincia per lei un incubo giudiziario ancora in corso; accusata di complicità con il PKK curdo, viene privata della libertà e torturata affinché confessi i nomi dei suoi intervistati.
Decidendo di non collaborare, viene imprigionata per due anni e mezzo con l’accusa di terrorismo.
Dal 2009 è costretta a vivere in esilio; rifugiata politica in Francia, conta con un importante comitato di sostegno internazionale. Attualmente è docente di Sociologia presso l’Università di Nizza si occupa di migrazioni contemporanee e frontiere dal punto di vista del genere ed è co-coordinatrice dell’”Osservatorio sulle migrazioni nelle Alpi Marittime”.

Attraverso il suo contributo si intende riflettere sull’esempio delle lotte sociali in Turchia e, in particolare, capire come in un contesto repressivo, un ciclo di mobilitazioni possa costruirsi e diffondersi, sia geograficamente che socialmente, senza essere necessariamente egemonizzato dalla violenza politica. Sfidando le verità ideologiche dello Stato-nazione e trasformando lo spazio militante dei movimenti di sinistra, i movimenti femministi hanno ispirato profondamente la storia delle lotte sociali in Turchia.
Attraverso forme di azione politica di nuova generazione e le nuove cause che hanno saputo articolare, i movimenti femministi si collocano dunque al centro di nuovo ciclo di mobilitazioni sociali nella Turchia degli ultimi decenni.

L’incontro si terrà il 10 gennaio presso l’Aut Aut 357, in Via delle Fontane 5, alle 18.
A seguire ci sarà un’aperitivo di autofinanziamento.

Per maggiori informazioni sull’evento cliccare qui.

pinarselek_flyer