Debordering Europe. A new book about the Italian-French border

“Debordering Europe”, a new book about the Italian-French border in Ventimiglia is out. A collective works focused on how border works within the Schengen area, which provide a unique perspective and a critic insight about the lack of shrared responsability between EU member states, the EU common asylum system, and the respect of human rights. Furthermore, the authors – including our colleagues Livio Amigoni, Luca Giliberti, Luca Queirolo Palmas and Federico Rahola – have the merit of opening a discussion about borders and the role of migration control policies precisely at the moment in which “national sovereignties” seem to have become an unavoidable topos of politics, in every European country.

More information about this book here: https://www.palgrave.com/gp/book/9783030565176

È uscito “Debordering Europe”, un nuovo libro sul confine italo-francese di Ventimiglia. Un lavoro collettivo incentrato su come funzionano le frontiere all’interno dell’area Schengen, che fornisce una prospettiva unica e una visione critica sulla mancanza di responsabilità condivisa tra gli Stati membri dell’UE, sul sistema dell’asilo politico nell’UE e sul rispetto dei diritti umani. Inoltre gli autori – tra cui i nostri colleghi Livio Amigoni, Luca Giliberti, Luca Queirolo Palmas e Federico Rahola – hanno il merito di aprire una discussione sui confini e sul ruolo delle politiche di controllo delle migrazioni proprio nel momento in cui i “sovranismi” sembrano essere diventati un topos ineludibile della politica, in ogni paese europeo .

Maggiori informazioni su questo libro sono disponibili qui: https://www.palgrave.com/gp/book/9783030565176

book, border, confini, libro, Ventimiglia

Guyane française. Migrations contemporaines et histoire coloniale / French Guyane. Contemporary migrations and colonial history

Le sixième épisode de “Borderlands and Solidarities“, le podcast LSV sur les frontières et les migrations a été publié!

Luca Gilberti (Université de Gênes) interviewe Marianne Palisse, Maître de conférences en anthropologie à l’Université de Guyane, sur la question des migrations en Guyane française, un fragment de l’Europe hors du périmètre géographique européen. Une situation complexe liée à la fois à un contexte social multiculturel et à l’histoire coloniale de ce pays. Parmi les différents enjeux, Marianne Palisse se concentre sur les mouvements contemporains et la mobilisation autour de la problématique migratoire dans cette partie du territoire français en Amérique du Sud.

The sixth episode of “Borderlands and Solidarities“, the LSV podcast about borders and migrations is out.

Luca Gilberti (University of Genoa) interviews Marianne Palisse, Lecturer in Anthropology at the University of Guyane, about the on the migration issue in the French Guyane, a fragment of Europe outside the European geographical perimeter. A complex situation which is due both to a multicultural social context and to the colonial history of this country. Among the different issues, Marianne Palisse focuses on contemporary movements and mobilization on the migration issue which are raising in this part of French territory in Southern America.

border, Guyane, migrations

Il ritorno delle frontiere in Europa

img_0094

Venerdì 21 giugno, a Ventimiglia, il Laboratorio di Sociologia Visuale dell’Università di Genova alle ore 19 co-organizza il dibattito pubblico “Il ritorno delle frontiere in Europa“, alla Sala Polivalente del Chiostro di S. Agostino, Piazza Bassi 1, 2° piano.

ritorno-frontiere-ventimigliaweb

L’evento rientra nelle azioni dell’Osservatorio dei territori di frontiera (ObsMigAM/URMIS, Università di Nizza – IC Migrations), progetto che favorisce l’incontro di ricerche in scienze sociali su diversi luoghi di confine, attraverso l’organizzazione di seminari ed eventi pubblici.

In uno scenario in cui controlli sistematici e militarizzazione dei confini interni caratterizzano l’Europa contemporanea e accompagnano i processi di consolidamento delle frontiere esterne, l’evento – che si svolge simbolicamente su una delle borderlands più visibili e mediatizzate degli ultimi anni – vedrà ricercatori, attivisti, membri di associazioni, cittadini discutere e confrontarsi sulla realtà di vari territori di confine. Dopo la presentazione dello stato delle ricerche oggi da parte dei gruppi di ricerca coinvolti e di un’esperienza di incontro tra ricerca e arte pubblica (“Eufemia. I sommersi e i salvati”, collettivo Milotta/Donchev e studenti della Scuola di Scienze Sociali-UNIGE) saranno proiettati tre documentari sulle risposte della cittadinanza in diversi luoghi di confine (Ceuta/Melilla, la Val Roya e la Val Susa/Brianzonnese). La tavola rotonda finale, seguita da un dibattito pubblico, sarà momento di riflessione collettiva sul new border regime e sulle risposte della cittadinanza.

Dalle 17:15, subito prima dell’evento pubblico, incontro al Bar Hobbit di Ventimiglia (Via Sir Thomas Hanbury, 14) per un bicchiere insieme!

I due giorni precedenti l’evento pubblico, due seminari di ricerca in lingua francese, aperti agli interessati (iscrizione: obsterfro@gmail.com):

  • il primo a Nizza (MSHS, salle 128) il giovedì 20, ore 14-17: « Les processus de frontierisation et les effets sur les territoires urbains et ruraux : Hautes Alpes, Alpes Maritimes et Calaisis ». Scarica il programma al seguente link: seminaire-nizza
  • il secondo a Ventimiglia (Sala Polivalente del Chiostro di S. Agostino) venerdì 21, ore 14-17: « Mises en scène de la frontière, réponses des populations locales et mobilisations citoyennes ».
    Scarica il programma al seguente link: seminaire-ventimiglia

 

Eufemia – I sommersi e i salvati

still-video-4

Il Laboratorio di Sociologia Visuale, nel quadro del Festival del Mare promosso dall’Università di Genova, organizza due eventi su mare e migrazioni:

Eufemia. Un’installazione ambientale del collettivo Milotta / Donchev, visitabile dal 16 al 18 maggio presso la Darsena del Porto Antico sulla chiatta che ospita Dialogo nel buio, come evento collaterale del Festival del Mare.
Per informazioni: http://festivaldelmare.unige.it/Eventi_collaterali

I sommersi e i salvati. Una conferenza sulla frontiera liquida tra umanitarizzazione e securitizzazione nel programma ufficiale del Festival del Mare. Il 16 maggio alle 18, presso l’Auditorium del Museo del Mare. Con Vittorio Alessandro (già Contrammiraglio della Marina Militare), Alessandro Metz (Mediterranea Saving Humans), Nicola Stalla (SOS Méditeranée), Georges Kougang (operatore umanitario), Enrico Fravega (Università di Trento), Luca Queirolo Palmas (Università di Genova).
Per informazioni: http://festivaldelmare.unige.it/Conferenze#collapse10

 

Le due iniziative promosse da Laboratorio di Sociologia Visuale e Progetto 20k sono il prodotto di un lavoro congkiunto che ha unito: un gruppo di studenti di Scienze della Formazione dell’Università di Genova che hanno preso parte a un progetto di formazione sull’etnografia visuale – Irene Bressan, Marco Cepollina, Alice Gresele, Amalia Innocenti, Libera Palmeri, Bianca Alice Sanna, Greta Tanzi, Niccolò Vano – e un gruppo di ricercatori afferenti al Laboratorio di Sociologia (Unige) – Livio Amigoni, Massimo Cannarella, Federico Rahola, Enrico Fravega, Luca Giliberti, Graziella Marturano, Luca Queirolo Palmas – all’Università di Siena – Cristina Capineri – e all’Università di Amsterdam – Silvia Aru.

L’installazione è un’opera del collettivo artistico Milotta / Donchev, le fotografie sono di Emanuela Zampa; curatela di Amina Gaia Abdelouahab e Anna Daneri. Il coordinamento dei lavori sul campo è stato garantito da: Progetto 20K, Farog Adam Ali, Georges Kouagang.

Hanno contribuito: Università degli Studi di Genova e Università degli Studi di Siena. Si ringrazia: Istituto Chiossone Onlus, Costa Edutainment, Solidarietà e Lavoro s.c.s., Galata Museo del Mare, Istituto Nautico San Giorgio.

Corso Andrea Podestà, 2 - 16121 Genova (GE)

laboratoriosociologiavisuale@gmail.com

© 2016 Horizon. All rights reserved.
Powered by YOOtheme.